G8 e monumento a Giuliani, COISP a Genova uniti nel nome di Macciantelli EROE

293

 

 

SCARICA IL COMUNICATO

COMUNICATO STAMPA DEL 25 SETTEMBRE 2013

Oggetto: G8 e monumento a Giuliani, il Coisp chiama tutti a raccolta per la manifestazione di domani a Genova: “Rivolgiamo il doveroso tributo a Daniele Macciantelli, Eroe dimenticato da una città ingrata!”

“Oggi è il 25 settembre. Ricorre l’anniversario di una morte tragica quanto eroica, della scomparsa di un fulgido esempio di onestà e senso del dovere e altissimo spirito di sacrificio ed altruismo.

Oggi piangiamo ancora stretti nel ricordo di un nome. E poiché i più conoscono solo pochinomi, quelli noti alla ribalta delle cronache e delle polemiche, allora lo pronunciamo noi per tutti il nome di un eroe dimenticato e bistrattato: Daniele Macciantelli, un Poliziotto italiano che ha perso la vita, a soli 36 anni, nell’adempimento del proprio dovere e per salvare gli altri. Non ci sono cerimonie oggi a Genova, città dove la vita di Daniele è stata spezzata per sempre. Non ci sono sfilate, cortei, dibattiti, concerti, né striscioni inneggianti al suo eroismo. Non c’è manifestazione alcuna di gratitudine verso una Divisa così onorevole, non ci sono premiazioni o riconoscimenti pubblici per suoi familiari, che non hanno ricevuto cittadinanze onorarie né chiavi di alcuna città italiana.

A Genova l’anniversario della morte di un Servitore dello Stato trascorre nel silenzio assordante e nell’immobilismo assoluto delle Istituzioni locali, mentre altri monumenti albergano in città, un granito che fa bella mostra di sé in piazza Alimonda per celebrare le gesta di chi la Divisa e le Istituzioni le ha odiate, al punto di aggredirne i rappresentanti con una violenza incontrollata.

Nelle strade di Genova c’è posto per un tributo a Carlo Giuliani, ma per Daniele Macciantelli no!

E noi non possiamo restare a guardare, saremo tutti a Genova, nel nome di chi ha certamente meritato elogi e onorificenze, nel nome di Daniele Macciantelli”.

Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp, torna a lanciare un appello per una massiccia partecipazione di pubblico alla manifestazione indetta per domani, giovedì 26 settembre, a Genova, a partire dalle ore 10,00, davanti al Comune del capoluogo ligure, dal Sindacato Indipendente di Polizia, proprio in occasione dell’anniversario della morte di Daniele Macciantelli, Vice Sovrintendente della Polizia di Stato morto per mano di un giovane folle la notte fra il 25 ed il 26 settembre del 2008 dopo essere intervenuto per salvare i genitori del malato minacciati di morte dal loro stesso figlio. Nel nome del collega brutalmente ammazzato il Coisp tornerà a chiedere a gran voce la rimozione del monumento in granito posizionato in piazza Alimonda in onore di Carlo Giuliani, il manifestante ucciso durante il G8 del 2001 da un colpo di pistola partito dall’arma dell’allora ancor più giovane Carabiniere Mario Placanica, contro il quale il primo si stava scagliando imbracciando un estintore, nel pieno di attacchi furiosi sferrati contro le Forze dell’Ordine dai manifestanti.

“Nessuna giustificazione può reggere a tanta insensibile mancanza di rispetto e di gratitudine verso le Forze dell’Ordine e verso chi davvero merita di essere trattato da eroe – conclude Maccari -.

La cosa non ha nulla a che fare con il rispetto della vita o del lutto altrui. Quel monumento in piazza Alimonda è e resta ben altro, è un vero e proprio tributo a chi, però, non ha dimostrato con i fatti un valore civile e morale degno di essere celebrato e indicato come esempio. E la cosa è resa ancor più grave dall’assoluta mancanza di riconoscimenti verso chi invece ha dato la vita per gli altri, e dalla mancata presa di posizione netta a favore di coloro i quali difendono lo Stato e i cittadini e contro chi, invece, mette a repentaglio la vita degli uni e degli altri”.

Ufficio Stampa Co.I.S.P. Nazionale – Responsabile: Olga Iembo Collaboratori: Antonio Capria

 

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here