Distaccamento CAPS Cesena presso Reparto Mobile di Senigallia. Osservazioni del COISP e incontro presso il Dipartimento

652

L’incontro sull’Istituzione di un Distaccamento del CAPS di Cesena presso Reparto Mobile di Senigallia è stato fissato per il prossimo 23 Luglio.
Di seguito le osservazioni preparate dal COISP

 

Roma, 18 luglio 2019

MINISTERO DELL’INTERNO
DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA
SEGRETERIA DEL DIPARTIMENTO
UFFICIO PER LE RELAZIONI SINDACALI

OGGETTO: Istituzione della Sezione distaccata del Centro Addestramento Polizia di Stato di
Cesena presso il XIV Reparto Mobile di Senigallia. OSSERVAZIONI.

In merito all’allegata informazione preventiva pervenuta da codesto Ufficio lo scorso 12 luglio e recante n. 557/RS/01/58/57727, con la quale è stata rappresentata l’intenzione del Dipartimento di istituire una Sezione distaccata del CAPS di Cesena presso la Caserma “Avogrado” di Senigallia, sede del XIV Reparto Mobile della Polizia di Stato, si osserva quanto segue, come compiutamente evidenziatoci dalla nostra Segreteria Provinciale di Ancona.
Il XIV Reparto Mobile di Senigallia ha oggi in organico 165 Poliziotti e 14 dipendenti
dell’Amministrazione Civile del Ministero dell’Interno. Per le sue peculiarità si trova ad operare quasi esclusivamente su tutto il territorio nazionale mentre in sede l’impiego si verifica solo in alcuni giorni della stagione estiva. La caratteristica dei servizi di ordine pubblico assegnati al citato Reparto Mobile comportano spesso un rientro nelle ore notturne ed una ripartenza la mattina successiva.
Conseguentemente la grande maggioranza del personale approfitta di una sistemazione alloggiativa presso il Reparto che consente loro il necessario riposo e non li obbliga a raggiungere in ora tarda la propria abitazione, in molti casi distante 30/60 minuti e oltre, per poi rientrare in servizio dopo pochissime ore … senza aver avuto la possibilità di recuperare ancorché minimamente le energie psicofisiche.
Ebbene, qualora i prospettati lavori di “riqualificazione della struttura” non venissero effettuati prima dell’inizio delle attività della citata Sezione distaccata, verrebbero certamente limitate le necessità alloggiative sinora riconosciute al personale del Reparto di Senigallia dovendo l’Amministrazione assegnare buona parte dell’attuale disponibilità alloggiativa della Caserma ai frequentatori dei corsi della istituenda Sezione.
Diversi colleghi si troveranno pertanto a perdere il proprio posto letto e potranno disporre soltanto di uno spazio spogliatoio che, anche sulla base del notevole ingombro delle divise e del materiale di ordine pubblico in dotazione, dovrà essere congruo e non potrà essere contenuto in un solo armadietto.
Chiaramente, una volta negato a detto personale l’utilizzo di un alloggio, non si potrà pretendere dallo stesso un impiego in servizio come quello sinora svolto e sopra sottolineato che ha sovente visto un termine attività nelle ore notturne e una ripresa per altri impieghi dopo poche ore.
Ne deriverebbe una limitata efficienza del Reparto che va ovviamente evitata. I citati lavori di “riqualificazione della struttura” dovranno quindi essere portati a termine prima della formale istituzione della Sezione distaccata del CAPS e gli stessi dovranno prevedere ambienti alloggiativi per i frequentatori dei corsi, così come ambienti adeguati per le restanti attività della citata Sezione.
Considerando inoltre il limitato numero di spazi per il parcheggio, sarà necessario provvedere ad una razionalizzazione dei posteggi interni dando la priorità al personale in forza alla struttura rispetto al personale frequentatore. Si avverte altresì la necessità di rivalutare e riammodernare gli spazi destinati ad area benessere nonché il contratto di gestione del bar interno che dovrà prevedere una apertura su orari prolungati rispetto agli attuali. Analogamente sarà importante riattualizzare il contratto con l’impresa di pulizie della struttura.

Con riguardo, poi, al fatto che il “Comandante del XIV Reparto Mobile di Senigallia
provvederebbe alla gestione della struttura per i servizi continuativi e di vigilanza e per la mensa” si puntualizza che:
– il servizio di vigilanza allo stato attuale viene svolto molto spesso da soli tre dipendenti che oltre a tale compito provvedono alla gestione e movimentazione dell’armeria di reparto ed al servizio al centralino in assenza dell’unico dipendente assegnatovi;
– l’ufficio Mensa e Vettovagliamento conta ad oggi cinque dipendenti (uno di questi cesserà il servizio il prossimo 31 dicembre) che garantiscono l’apertura della mensa dalle ore 08.00 alle ore 21.00, tutti i giorni della settimana;
– all’Armeria è addetto un solo dipendente che con l’apertura della Sezione distaccata del CAPS dovrà anche provvedere alla consegna ed al ritiro delle chiavi delle cassette di sicurezza;
– ad una maggiore attività sarà destinato altresì il personale in servizio presso l’Ufficio Sanitario, l’Ufficio V.E.C.A., l’Ufficio Addestramento e Studi, l’Ufficio Tecnico Logistico e la Sezione Motorizzazione.

Considerato pertanto l’aggravio di lavoro che inevitabilmente ricadrà sui citati settori e,
nondimeno, il fatto che il personale degli Uffici sopra indicati partecipa di norma, come tutto il personale, anche ai servizi di Ordine Pubblico, è di tutta evidenza la necessità che il Dipartimento, così così come è intenzionato a fare per il CAPS di Cesena, provveda anche ad una revisione della forza organica del suddetto Reparto Mobile di Senigallia, in considerazione del notevole maggiore apporto richiesto una volta istituita la menzionata Sezione distaccata del CAPS.

Tutto quanto sopra sottolineato dovrà essere attentamente preso in considerazione ed attuato dal Dipartimento, significando che in caso di disaccordo con quanto rappresentato da questa O.S., codesto Ufficio vorrà provvedere a pianificare l’esame della materia contenuta nell’informazione preventiva in argomento, con ciò ritenendo la presente una formale richiesta in tal senso ai sensi dell’art. 26 DPR 164/2002.

In attesa di cortese riscontro, l’occasione è gradita per inviare i più Cordiali Saluti.

La Segreteria Nazionale del COISP

SCARICA QUESTA NOTA IN FORMATO PDF