Decreto Sicurezza BIS. L’analisi del COISP

921

Nei giorni scorsi è stato reso noto il contenuto dello schema di Decreto Sicurezza BIS che
il Ministro dell’Interno ha predisposto e che porterà dinanzi a tutto il Governo per la sua
approvazione e la successiva conversione in legge da parte del Parlamento.
Le norme che lo schema di Decreto Sicurezza BIS vorrebbe introdurre e/o modificare,
vanno certamente nella direzione giusta per arrivare a garantire quella concreta
sicurezza che i Cittadini chiedono e per tutelare seriamente la gravosa attività svolta
quotidianamente dalle Forze dell’Ordine a salvaguardia del bene comune.

Di seguito potrete leggere il testo del decreto (11 articoli più un dodicesimo che ne
statuisce l’entrata in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella
Gazzetta Ufficiale).

A seguire di ogni articolo è stata anche riportata l’eventuale norma così come sarebbe con le modifiche (che sono indicate in rosso per una esatta comprensione), nonché un breve commento.

Se, da una parte, per questo decreto, è doveroso segnalare l’impegno del Ministro
dell’Interno Matteo SALVINI, del Sottosegretario all’Interno Nicola MOLTENI e del Capo
della Polizia Franco GABRIELLI, d’altra parte possiamo ben dire che i suoi contenuti sono
stati sollecitati continuamente dal COISP.
Nessuno può smentirci se diciamo che questo decreto è il frutto anche del continuo
impegno del COISP che ha sollecitato l’introduzione di una legislazione di supporto
all’impegno delle donne ed uomini che difendono i cittadini e le Istituzioni democratiche e nessun’altro può dire la medesima cosa.

LEGGI IL DOCUMENTO DI ANALISI