Istituzione di uffici territoriali o di help-line per il computo anticipato della pensione

1235

In data 8 Marzo il COISP era tornato a sollecitare
l’istituzione di uffici a livello territoriale (oppure di una help-line) per soddisfare la crescente richiesta da parte dei colleghi di conoscere in anticipo, con buona approssimazione, l’importo dell’assegno pensionistico che prenderanno al momento in cui verranno posti in quiescenza per limiti di età o a domanda.

Riportiamo la risposta del Dipartimento, con riserva di continuare a monitorare lo sviluppo della questione…


 

OGGETTO: “Necessaria l’istituzione di uffici a livello territoriale oppure una help line cui i colleghi possano rivolgersi per ottenere risposte ai propri quesiti circa il trattamento previdenziale che li attende”

Di seguito a precedente comunicazione e con riferimento alla nota del 24 aprile 2018 di codesta Segreteria Nazionale, la Direzione Centrale per le Risorse Umane ha rappresentato quanto segue.

Per quanto concerne le informazioni sull’ammontare della pensione è stato precisato che l’Ente competente alla comunicazione degli importi pensionistici è l’INPS; tuttavia questa Amministrazione, sia in sede periferica che centrale, fornisce delle indicazioni di massima in ordine alle modalità
e ai tempi di cessazione, nonché sul presumibile importo del futuro trattamento pensionistico.

Attualmente l’Amministrazione è impegnata con l’istituto previdenziale per la costituzione della c.d. “banca dati”, ove confluiscono tutte le informazioni matricolari ed economiche
dei dipendenti che, alla fine del servizio, consentiranno all’INPS di determinare le prestazioni pensionistiche.
Sono, infatti, in svolgimento corsi di aggiornamento, che si tengono presso le sedi di Milano, Bologna, Roma e Napoli, sulle nuove procedure che dovranno essere adottate
dagli uffici periferici di questa Amministrazione per l’uso di un nuovo strumento messo a disposizione dell’INPS, denominato “nuova passweb”, che attingerà i dati proprio dalla predetta “banca dati”, che è in fase di costituzione.

Il progetto vede coinvolto anche il Servizio T.E.P. e Spese Varie, per l’invio massivo dei dati ora presenti al Cenaps e che dovranno confluire nel predetto archivio informatizzato.
Con riferimento al recente accordo tra l’Arma dei Carabinieri e l’INPS per la costituzione del Polo Unico presso
la sede di Chieti, e alla richiesta di un’analoga iniziativa per questa Amministrazione, la Direzione Centrale in parola, nel premettere che le attività amministrative concernenti gli aspetti pensionistici e previdenziali sono decentrate
per legge, ritiene che l’attuale organizzazione garantisca comunque uniformità di trattamento e puntuale informazione alla categoria amministrata.
Infatti, tutti gli uffici periferici 0utilizzano il medesimo applicativo posto a disposizione dall’INPS e, inoltre, il Servizio Trattamento di Pensione e Previdenza della citata Direzione Centrale provvede puntualmente ad informare, sia con circolari apposite ma anche attraverso una quotidiana informazione degli uffici con i canali di comunicazione istituzionali.
La stessa articolazione ritiene che siffatto decentramento abbia consentito, e consenta, ai dipendenti di poter più facilmente interagire, a livello locale, con il personale preposto dell’amministrazione e dell’ente previdenziale.
Peraltro, uno studio di fattibilità sul richiesto “Polo Unico” potrà essere rivisto allorché sarà definita la costituzione della predetta banca dati presso l’Istituto previdenziale, la quale modificherà l’attuale assetto di gestione delle attività
pensionistiche e previdenziali. Inoltre si è evidenziato che, per tutte le questioni segnalate, una volta avviata la “banca dati”, l’INPS potrà provvedere, anche per il personale del comparto, a svolgere le attività d’informazione pensionistica affidate per legge all’istituto che, per altre categorie di lavoratori, sono già operative.

SCARICA LA CIRCOLARE IN FORMATO PDF