COISP / “TATUAGGIONON E’ MOTIVO ESCLUSIONE”, RIAMMESSO A CONCORSO DA TAR (AGI)

278

"TATUAGGIO NON E' MOTIVO ESCLUSIONE", RIAMMESSO A CONCORSO DA TAR (AGI) – Agrigento, 12 gen. – Avere un tatuaggio non puo' comportare l'esclusione da un concorso per allievo agente di Polizia penitenziaria. Lo ha sancito il Tar del Lazio al quale si era rivolto un ventiduenne di Porto Empedocle che era stato stato escluso dalla commissione esaminatrice per la presenza di una frase sul braccio destro rappresentato dalla frase in lingua inglese: "becoming a father is much easier than being it" ("diventare padre e' molto piu' semplice che esserlo"). Il giovane – assistito dall'avvocato Girolamo Rubino – ha allora proposto un ricorso al Tar del Lazio per ottenere l'annullamento del provvedimento di esclusione sostenendo che i tatuaggi costituiscono causa di inidoneita' solo quando per la loro sede o natura siano deturpanti o per il contenuto siano indice di personalita' abnorme. Il ventiduenne dovra' cosi' essere riammesso al concorso di allievo agente di polizia penitenziaria. (AGI) Ag1/Mrg/Mzu 121045 GEN 13 NNNN

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here