Attribuzione della qualifica operativo-professionale di “Formatore/Istruttore nelle tecniche di ordine pubblico”

441

Roma, 12 luglio 2019

AL SIGNOR CAPO DELLA POLIZIA
Direttore Generale della Pubblica Sicurezza
Prefetto Franco Gabrielli

OGGETTO: Attribuzione della qualifica operativo – professionale di “Formatore/Istruttore nelle tecniche di ordine pubblico”.

Preg.mo Signor Capo della Polizia,

Come noto, con Decreto del Signor Capo della Polizia – Direttore Generale della Pubblica
Sicurezza del 24 ottobre 2008, fu costituito a decorrere dal 1° dicembre 2008, il “Centro di
formazione per la tutela dell’ordine pubblico”, presso il comprensorio di Nettuno, già sede
dell’Istituto per Ispettori della Polizia di Stato e del Centro Nazionale di Specializzazione e
Perfezionamento nel Tiro.

Alla base della predetta scelta vi fu l’esigenza di rispondere per la prima volta al bisogno
di garantire un miglioramento della qualità dei percorsi formativi, attraverso l’elaborazione e l’attuazione di progetti innovativi, al fine di colmare le lacune esistenti, che nel caso di specie si esprimevano nella mancanza di una specifica scuola, che curasse la formazione e
l’aggiornamento dei dipendenti della Polizia di Stato che operano per la tutela dell’ordine
pubblico.

La realizzazione di questo Centro ha consentito di trattare in modo sistematico e
scientifico un settore di intervento tipico della polizia di sicurezza e prevenzione, nel quale
occorre una presenza sempre più qualificata e professionale, attraverso la divulgazione di
regole, condotte e tecniche, ritenute valide e consolidate, e l’analisi e la diffusione di tutte le prassi successivamente sviluppatesi, in modo da adeguare le tecniche di intervento al mutare delle dinamiche sociali, che costituisce il proprium dei servizi di tutela dell’ordine pubblico.

Nel corso dell’ultimo decennio, il Centro di Formazione per la Tutela dell’Ordine
Pubblico ha svolto l’innovativo lavoro, in linea con gli obiettivi programmatici dettati all’atto
della sua costituzione, di garantire la diffusione e la sedimentazione nei corsisti di una nuova mentalità nell’affrontare i servizi di ordine pubblico, al fine di favorire un approccio positivo e aperto verso gli interlocutori interni ed esterni e il maturare di una consapevolezza piena
dell’importanza del ruolo ricoperto da chi è chiamato tutti i giorni ad interfacciarsi con la
società nell’esercizio e nell’espressione dei più alti diritti costituzionali.

Nello stesso tempo, il Centro in questione ha svolto il compito di raccolta, analisi e
divulgazione delle esperienze, delle tecniche e dei contributi provenienti dal territorio, formando e aggiornando nel delicatissimo settore della tutela dell’ordine pubblico circa 23mila operatori tra istruttori delle tecniche operative, personale dei Reparti Mobili, Sostituti Commissari/Ispettori Superiori S.U.P.S, Funzionari e Dirigenti di Polizia, nonché appartenenti a Corpi di Polizia esteri e al soppresso Corpo Forestale dello Stato.

I rilevanti risultati, conseguiti in materia di formazione e aggiornamento, tuttavia, si
misurano non soltanto in termini quantitativi, ma soprattutto alla luce dell’indubbia accresciuta qualità del servizio reso dalla Polizia di Stato nella gestione dei servizi di ordine pubblico, che si concretizza nella innovata capacità di amministrare efficacemente l’emergere e l’acuirsi di tensioni economiche e sociali, come frutto ed espressione di quella mutata cultura dell’ordine pubblico, che era l’obiettivo primario fissato all’atto della costituzione della scuola.

Lo scorso 3 luglio anche il Signor Ministro dell’Interno, nell’ambito della visita
all’Istituto per Ispettori della Polizia di Stato di Nettuno, ha potuto assistere ad una
dimostrazione dell’attività formativa svolta presso il Centro di Formazione per la Tutela
dell’Ordine Pubblico, potendo apprezzare l’addestramento svolto mediante l’impiego della tuta Red Man.

Il COISP chiede, pertanto, di valutare l’introduzione della qualifica operativo –
professionale di “Formatore/Istruttore nelle tecniche di ordine pubblico”, allo scopo di
riconoscere finalmente agli istruttori in servizio presso il Centro di Formazione per la Tutela
dell’Ordine Pubblico il valore del loro lavoro, in considerazione dell’importanza strategica della trasmissione dei saperi professionali, etici e deontologici e del fatto che il medesimo
riconoscimento è stato garantito a tutte le figure di istruttori e docenti in servizio presso altri Centri di addestramento e istruzione della Polizia di Stato.

Con profonda e sincera stima.

Il Segretario Generale del COISP
Domenico Pianese

SCARICA QUESTA NOTA IN FORMATO PDF