10° corso di formazione allievi Vice Ispettori della Polizia di Stato. Modalità attuazione tirocinio applicativo

4503

Roma, 22 maggio 2019

MINISTERO DELL’INTERNO
DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA
SEGRETERIA DEL DIPARTIMENTO
UFFICIO PER LE RELAZIONI SINDACALI
Roma

OGGETTO: 10° corso di formazione allievi Vice Ispettori della Polizia di Stato.
Modalità attuazione tirocinio applicativo.

In data 13 giugno 2018 è stato avviato alla formazione il 10° corso per allievi Vice Ispettori della Polizia di Stato, presso gli Istituti di Istruzione di Nettuno e di Campobasso.

La disciplina e le modalità di svolgimento del corso in oggetto, i criteri generali dell’addestramento operativo, i criteri per la formulazione del giudizio di idoneità al servizio di polizia, le modalità di valutazione del profitto e di svolgimento degli esami, nonchè i criteri di formazione delle graduatorie finali sono dettate dal decreto ministeriale 04 dicembre 2003 n.370.

Nel dettaglio l’art 11 di tale decreto rubricato “addestramento operativo” prevede che “Gli allievi vice ispettori, durante l’ultimo semestre di corso, possono essere applicati per cicli, anche non consecutivi, di addestramento presso uffici e reparti della Polizia di Stato operanti in aree differenziate di attività istituzionale, al fine di completare la formazione professionale relativamente ai profili pratici attinenti all’esercizio delle funzioni previste per gli appartenenti al ruolo degli ispettori.
Il periodo di addestramento, complessivamente non superiore a due mesi, ha la durata stabilita dal piano di studio…”.

L’articolo 12 disciplina i Criteri d’impiego operativo: “Durante l’addestramento operativo gli allievi vice-ispettori partecipano alle attività operative in qualità di osservatori, sotto la responsabilità e la guida dei funzionari ad essi preposti, al solo scopo di prendere conoscenza delle concrete modalità di svolgimento dei servizi. In tali occasioni precedono e seguono l’impiego degli allievi, riunioni tenute dai responsabili dei servizi, per illustrare gli aspetti preparatori, organizzativi ed attuativi dei servizi stessi, nonché per esaminare le difficoltà operative di volta in volta incontrate e le soluzioni adottate per superarle”.

Abbiamo appreso che, in ottemperanza al piano di studi, sono state organizzate delle visite
“didattiche operative” presso una Questura tra quelle di Roma, Latina, Frosinone e presso gli uffici di specialità della Polaria di Roma Fiumicino, Compartimento Polizia ferroviaria di Roma e Polizia Postale e Scientifica presso il Polo Tuscolano. Di fatto vengono organizzate delle visite guidate alle strutture della durata complessiva di una settimana circa, nulla a che vedere con quanto prescritto sia dal decreto che dal piano di studi del corso.
Eppure sarebbe stato sufficiente muoversi in analogia a quanto già accaduto con il 7° corso per Vice Ispettori, anche quest’ultimo della durata di 18 mesi, durante il quale gli allievi sono stati inviati presso gli uffici territoriali a svolgere un reale periodo di tirocinio addestrativo.

Inoltre tale scelta si pone in controtendenza rispetto all’impostazione degli altri corsi di formazione, laddove, magari con differenti modalità a seconda dei casi, si effettuano periodi applicativi presso gli uffici prima del conseguimento della qualifica, ovvero prima della conferma in ruolo.
Per il 10° corso Vice Ispettori invece si è preferito organizzare delle visite guidate di poche ore presso alcune articolazioni Territoriali e/o Centrali che poco contribuiranno alla formazione dei nuovi Vice Ispettori.
Ritenendo quindi irragionevole la scelta dell’Amministrazione di comprimere eccessivamente del periodo di addestramento operativo previsto dal decreto e dal piano di studi, si chiede un appropriato intervento presso le competenti articolazioni del Dipartimento della P.S..

L’occasione è gradita per inviare i più Cordiali Saluti.

La Segreteria Nazionale del COISP

SCARICA QUESTA NOTA IN FORMATO PDF